Nella categoria Bandi di Concorso viene inserita la documentazione secondo il disposto dell'Art. 19 - D.Lgs. 33/2013 e  s.m.i..

Nell'elenco degli allegati di questa pagina è disponibile la documentazione dei bandi di assunzione del personale, delle ultime annualità (2011-2013, negli anni successivi non vi sono state procedure di concorso nè mobilità).

Modalità di reclutamento di personale: le modalità di assunzione presso la Camera di Commercio di Cosenza sono disciplinate dall'art. 35 del D.Lgs. 30.03.2001, n. 165 e s.m.i., dal "Regolamento degli Uffici e dei Servizi" approvato il 20.07.2012, per quanto concerne gli appartenenti alle categorie protette, dalla L. 12 marzo 1999, n. 68.
Per le forme contrattuali flessibili il riferimento normativo è il D.Lgs 10 settembre 2003, n. 276 e s.m.i..

Assunzioni di personale a tempo indeterminato: le assunzioni di personale a tempo indeterminato possono avvenire, nei limiti previsti dalla normativa vigente ed in base ai fabbisogni di personale definiti nella programmazione triennale, attraverso:
1. procedure selettive pubbliche (concorso pubblico per esami, per titoli ed esami, corso concorso);
2. avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento ai sensi della legislazione vigente per le qualifiche e profili per i quali è richiesto il solo requisito della scuola dell'obbligo;
3. chiamata numerica degli iscritti nelle apposite liste di collocamento degli appartenenti alle categorie protette, oppure attraverso la stipula di apposite convenzioni;
4. procedure di mobilità tra enti pubblici, ai sensi del D.Lgs. n. 165/2001.

Assunzioni di personale a tempo determinato: le assunzioni di personale a tempo determinato possono avvenire, nei limiti previsti dalla normativa vigente ed in base ai fabbisogni di personale definiti nella programmazione triennale, attingendo da graduatoria/e costituita/e dall'Ente tramite selezione.

Forme contrattuali flessibili di assunzione: per rispondere ad esigenze temporanee ed eccezionali l'amministrazione può avvalersi di forme contrattuali flessibili di assunzione previste dal codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell'impresa.

Tirocini formativi: il tirocinio pratico o stage è stato regolato in Italia dalla Legge 196/1997 e s.m.i. e consiste in un periodo limitato nel tempo nel quale uno studente o un disoccupato viene ospitato da un datore di lavoro pubblico o privato. E' utile precisare che non si tratta di un rapporto di lavoro. La Camera di Commercio di Cosenza ospita tirocini formativi e di orientamento tramite convenzioni con Università ed Istituti di Scuola Superiore rivolti a studenti e a neo laureati al fine di agevolare le scelte professionali al termine del corso di studi, mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro.
Gli interessati ad attivare tirocini formativi possono segnalare la richiesta all'ufficio stage della propria Facoltà.

l'Ente è chiamato a programmare annualmente e in prospettiva triennale il fabbisogno di personale.

L’obbligo di adozione del programma triennale dei fabbisogni di personale è previsto dall’art. 39, comma 1, della legge n. 449 del 27.12.1997 “al fine di assicurare le esigenze di funzionalità e di ottimizzare le risorse per il migliore funzionamento dei servizi, compatibilmente con le disponibilità finanziarie e di bilancio, gli organi di vertice delle Amministrazioni Pubbliche sono tenuti alla programmazione triennale del fabbisogno di personale”.

La normativa di riferimento rappresentata dal D.Lgs. n. 165 del 30.03.2001 è stata oggetto di recente revisione ad opera del D.Lgs. n. 75 del 25.05.2017, il quale è intervenuto proprio sugli strumenti e sulle modalità con cui le pubbliche amministrazioni devono organizzare gli uffici e definire il fabbisogno di personale.

La riforma del sistema camerale ha stabilito il divieto di assumere, utilizzare o impiegare personale a qualunque titolo e con qualunque forma contrattuale fino al completamento delle procedure di esecuzione del Piano di razionalizzazione a cura di Unioncamere.

In particolare, in due commi riferiti, rispettivamente, alle camere di commercio (art. 3, co. 9) ed alle aziende speciali ed unioni regionali (art. 4, co.2). è riportato il divieto di assumere, utilizzare o impiegare personale a qualunque titolo e con qualunque forma contrattuale.

Pur con alcune diversità lessicali, la portata sostanziale del precetto in essi contenuto è la medesima: fino al completamento delle procedure che si rendessero necessarie all’esito del piano di razionalizzazione di cui all’articolo 3 (entro il 31 dicembre 2019 per le camere, entro il 31 dicembre 2020 per le aziende speciali e le unioni regionali), non è consentito procedere con l’assunzione, l’impiego, e l’utilizzo, di nuovo personale in qualunque forma (tempo indeterminato, tempo determinato, collaborazione coordinata e continuativa, somministrazione, lavoro autonomo).

L'attuale Piano triennale del fabbisogno del personale 2018-2020 è provvisorio, per l’adozione di quello definitivo si dovrà attendere la definizione degli ambiti prioritari di intervento da parte del MISE.