Home Button

Ercole olivario

Premio nazionale “Ercole Olivario

 

Storia ed origini del premio

All'inizio degli anni '90 la coltivazione dell'olivo rappresentava in Italia una cultura marginale, che dava luogo a redditi che non remuneravano i produttori. Fu allora che si decise di puntare con decisione sulla qualità.
La nascita del Premio Nazionale Ercole Olivario rappresentò il segnale più evidente, in un panorama ancora contraddistinto dallo scetticismo.

Dal 1993 il premio è divenuto un esempio di integrazione operativa tra pubblico e privato.
L'Ercole Olivario, nelle sue numerose edizioni, rappresenta una grande iniziativa di sistema che coinvolge, protagonisti istituzionali, le associazioni di categoria e tutto il mondo produttivo oleario italiano.

Il concorso nasce da una riflessione avviata dal sistema camerale con i principali operatori del settore olivicolo con lo scopo di creare un momento di valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva, un prodotto che, nel panorama della produzione agroalimentare del nostro Paese, riveste un ruolo basilare sia da un punto di vista economico che culturale: la coltivazione dell’olivo è un elemento che caratterizza il paesaggio italiano e nel contempo costituisce un prodotto tipico per eccellenza.

Nella sua attenzione verso il concetto di qualità, il Concorso ha recepito le istanze provenienti dalla politica agricola attuata dall’Unione Europea in materia di valorizzazione delle produzioni tipiche del settore agroalimentare.
Questa politica assume una connotazione del tutto particolare, per un Paese, come l’Italia, che nella promozione delle produzioni tipiche rinviene un importante fattore di sviluppo dell’intero sistema produttivo.
Per questo motivo, il concorso Ercole Olivario ha aperto l’ambito di partecipazione agli oli a denominazione di origine protetta, creando un’apposita sezione di competizione ad essi destinata.

In prospettiva, con la completa implementazione dei sistemi di certificazione, l’Ercole Olivario si trasformerà in un concorso destinato esclusivamente agli oli a denominazione di origine. Tale ruolo di centralità nasce dalla convinzione del Comitato di coordinamento della necessità di valorizzare gli oli a denominazione di origine protetta nel duplice intento di consentire ai produttori italiani di operare in un contesto altamente competitivo a livello europeo e di offrire ai consumatori garanzie di tutela attraverso una diversificazione sempre più ampia dell’offerta di prodotti alimentari.

La manifestazione si compone di due selezioni:

Fase di selezione regionale
Ciascun territorio si occupa della prima fase di selezione, predisponendo apposite commissioni di assaggio costituite da esperti assaggiatori iscritti all’albo nazionale degli assaggiatori degli oli di oliva, che selezionano gli oli finalisti. Ogni regione è rappresentata da un numero di sei oli finalisti. A Marzo, una Giuria Nazionale, composta da sedici tecnici degustatori in rappresentanza delle 16 regioni olivicole e presieduta da un panel leader, analizza i prodotti finalisti, nelcorso di una settimana.

Fase di selezione nazionale
Una Giuria Nazionale, guidata da un capo panel nominato ogni 2 anni dal Comitato di Coordinamento, opera all’interno di una sala di degustazione appositamente allestita per l’occasione secondo la normativa europea, ed effettua il saggio organolettico degli oli selezionati, con le modalità appositamente fissate dal Comitato nazionale. I campioni di olio sono rigorosamente anonimizzati da un notaio prima dell’inizio dei lavori e sottoposti al giudizio dei panelisti negli appositi bicchieri ambrati. Tutte le procedure concorsuali sono svolte sotto il controllo di un notaio che al termine dei lavori della giuria procede ad identificare i campioni risultati vincitori in base alla graduatoria – anonima – presentata dalla giuria.

 

 

La XXVI edizione (anno 2018) del concorso per la valorizzazione delle eccellenze olearie territoriali italiane, si svolgerà dal 3 al 7 aprile 2018. Il termine per l'invio dell'adesione è lunedì 5 febbraio 2018. Per approfondimenti, visita la pagina dedicata.

 

Link al sito tematico dedicato: www.ercoleolivario.it