Il Ministero della Sviluppo Economico con nota del 25.03.2020 protocollo 88612 in accordo con Unioncamere Nazionale, ha emesso una propria nota in cui dispone che le Camere di Commercio nell’ambito dei poteri loro riconosciuti dalla Legge, possono rilasciare, dichiarazioni in lingua inglese sullo stato di emergenza in Italia conseguente all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e sulle restrizioni imposte dalla Legge per il contenimento dell'epidemia su richiesta dell’impresa interessata. L’impresa dovrà presentare domanda, in forma di autodichiarazione, dichiarando che le circostanze relative alla diffusione del COVID-19 e le restrizioni imposte per il contenimento dell'epidemia non hanno consentito l'assolvimento di obblighi contrattuali precedentemente assunti con le imprese estere, per motivi imprevedibili e indipendenti dalla volontà e capacità aziendale.

La richiesta va inoltrata alla Camera di Commercio utilizzando il canale CERT’O: la pratica e il modello vanno firmati digitalmente dal legale rappresentante/titolare firmatario.

Nel caso di impossibilità di utilizzo del canale CERT’O: invio tramite PEC all’indirizzo di posta certificata  cciaa@cs.legalmail.camcom.it allegando il modello debitamente compilato e firmato (digitalmente) o graficamente allegando copia del documento di riconoscimento, del titolare/amministratore

 

La richiesta è esente da bolli e diritti di segreteria